Certificato DOP
per la patata di Galatina

28/02/2017
E' stato presentato nel corso dell'iniziativa " Business Match Cibo – Cultura – Identità", promossa dal Consorzio Taste&Tour in masseria e svoltasi alla “Tenuta Pinto” contrada Brenca a Mola di Bari l'ultimo prodotto ad aver ottenuto il certificato DOP. Stiamo parlando della patata di Galatina. La varietà Sieglinde della patata di Galatina La “Sieglinde” nasce in Germania nel 1935 dall’incrocio delle varietà “Bohm 155/06” e “Juli” e a tutti gli effetti è diventata una coltura orticola tradizionale del Salento che nelle condizioni pedoclimatiche del lato meridionale della Penisola, affacciata sullo Jonio, ha trovato le condizioni ideali per la crescita ed il miglioramento dei caratteri organolettici originali. Il mercato europeo conosce, da molti anni, questa patata novella come “Sieglinde di Galatina”, dal nome della città di Galatina, situata nel Salento a metà strada tra lo Jonio e l’Adriatico, 20 km a sud della città capoluogo Lecce, di 3-4 centimetri di diametro è ”patata da fetta o da insalata” di tipo A, apprezzata in particolar modo nel mercato tedesco che assorbe la maggior parte della produzione. L’area d coltivazione della “Sieglinde del Salento” ha caratteristiche particolari ed uniche tanto da rivendicare il riconoscimento della D.O.P. ( Denominazione d’Origine Protetta) e di “Prodotto Tradizionale di Puglia”. Le patate novelle o primaticce, come la “Sieglinde del Salento” sono destinate immediatamente al consumo e per questo esenti da trattamenti di conservazione. La Sieglinde dispone di amido come pane, pasta o riso, ma contrariamente a questi è molto meno calorica, è ricca di Sali minerali, vitamine e aminoacidi. Nel corso della serata è stato presentato anche il Consorzio dell'Associazione dei produttori di patate di Galatina - www.patatadigalatinadop.com - info@patatadigalatinadop.com |