Patate riso e cozze


Storia

La storia di questo piatto è la storia dell’Europa dei navigatori e dei conquistatori. La storia Di Marco Polo e di Cristoforo Colombo, che hanno introdotto la coltivazione e il consumo, del riso e delle patate, unica fonte di carboidrati per le popolazioni contadine negli anni di carestia, quando il grano era appannaggio solo dei “gransignori di città”. È la storia di Bari e dei traffici commerciali del suo porto, degli scambi con la Repubblica di Venezia e con l’Oriente. Nella stessa pietanza ritroviamo, infatti, il riso, tipico della cultura orientale, la patata, importata dalle Americhe, e la cozza mediterranea. Patate, riso e cozze (o riso, patate e cozze o, semplicemente, la tiella, dal tipo di recipiente di cottura) è un piatto unico, colorato e saporito, di elaborata preparazione a causa dei diversi tempi di cottura del riso e delle patate che vengono disposti nella teglia ancora crudi. Il risultato è una vera prova di alchimia, una delizia indimenticabile per il palato.


Proprieta' nutritive

È una pietanza di origine contadina, composta da ingredienti poveri ma nutrienti che donano al piatto un gusto incomparabile perché porta al suo interno il sapore del mare. I sapori delle verdure si sposano alla perfezione con quello delle cozze ed il pecorino ne esalta ancora di più il gusto. L’origano dona una fragranza particolare alla ricetta. Delle cozze e delle patate abbiamo già esaltato i benefici nutrizionali. In questa ricetta sono “mantecati” con il riso integrale, un alimento molto utile all'organismo grazie alle sue innumerevoli proprietà. Il riso integrale presenta un alto contenuto di fibre e vitamine, tra cui la vitamina B1 (tiamina), la vitamina B2 (riboflavina) e la vitamina B9 (acido folico). Grazie alla vitamina PP (niacina), il riso integrale protegge l'apparato gastrointestinale e cardiocircolatorio. Il riso integrale contiene inoltre Ferro, Selenio, Fosforo, Rame e Zinco. L’alimento ha proprietà disintossicanti ed è, inoltre, consigliato nelle diete dimagranti perché grazie all’alto contenuto in fibre induce un prolungato senso di sazietà. È indicato anche in periodi di forte esaurimento psicofisico e in presenza di patologie quali malattie cardiache, intestinali ed epatiche, disturbi renali ed uricemia.



Preparazione

Pulire le cozze molto bene, aprirle e metterle da parte conservando una metà della valva in cui si trova il mollusco. Questa andrà a finire nel riso e, perciò, deve essere lavata accuratamente (si possono anche non mettere tutti i gusci o, addirittura, eliminarli del tutto, è sempre a seconda delle preferenze). Pelare le patate e tagliatele non troppo sottili, altrimenti nella cottura si sfalderanno tutte. Si passi, ora, a comporre la tiella: sul fondo della teglia versare generosamente dell’olio e la cipolla tagliata a fettine sottili; aggiungere uno strato fatto con la metà delle patate, metà dei pomodori lavati e tagliati a pezzi (o metà salsa), il prezzemolo e un po’ di peperoncino a piacere. Aggiungere le cozze con il mollusco verso l’alto, il riso e la restante parte di patate e pomodori. Spolverare con altro prezzemolo tritato; condire con abbondante olio evo, pepe e poco sale. Aggiungere acqua e infornare a forno caldo a 200° per 45 minuti circa (le prime volte è meglio controllare prima di spegnere il forno, la cottura dipende molto dalla grandezza della teglia e dal forno!). Lasciare intiepidire prima di servire.

Altri piatti di stagione

Grano dei morti

Cozze gratinate

Linguine ai ricci di mare